Santa Maria di Leuca

Santa Maria di Leuca è una frazione del Comune di Castrignano del Capo, in provincia di Lecce, nel estremo Salento meridionale tra Punta Meliso e Punta Ristola, è  una rinomata località turistica e dista circa 80 km dal capoluogo di provincia e circa 35 km da Gallipoli e Otranto.

Per la sua ottima posizione era già conosciuta nell'antichità: i naviganti d'Oriente le diedero il nome di “Leukos”, illumina dal sole; la sirena Leucasia, secondo alcune leggende, trovo la pace in questi luoghi e le grotte carsiche del posto sono state rinvenuti reperti archeologici che testimoniano la presenza dell'uomo a Leuca sin dal Paleolitico.

Sul promontorio di Punta Meliso dove oggi sorge la Basilica, sorgeva un tempio dedicato alla Dea Minerva; fu l’Apostolo Pietro che in viaggio per Roma cristianizzò il tempio pagano e lo dedicò poi alla Madonna.

Così Santa Maria di Leuca divenne, per i cristiani, la Porta per il Paradiso.

Nel ‘500 fu costruita, anche nella Marina di Leuca come su gran parte della costa del Salento, la Torre Costiera denominata Torre Vecchia e successivamente conosciuta con il nome di Torre Dell’Omo Morto a causa di alcune ossa umane ritrovate dopo. Nonostante ciò le incursioni dei pirati non furono fermate. Per molto tempo Santa Maria di Leuca è stata il ritrovo di molti pescatori e solo verso la fine del 1800 rinasce l’interesse turistico per questa splendida insenatura: Leuca diventa allora residenza estiva dell’aristocrazia Salentina e Pugliese; vengono costruite le splendide ville in stile toscano, gotico, ionico, francese, pompeiano, toscano, risorgimentale e moresco che oggi impreziosiscono il lungomare ed il paesaggio leucano.

Oggi Santamaria di Leuca è una tra le più gettonate località in cui trascorrere le proprie vacanze in Salento. Con la possibilità di ammirare sia l'alba che il tramonto sul mare, ben collegata alle altre località come Galipoli, Otranto, Lecce, Torre Vado e le spiagge di Pescoluse.